Cos'è la Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, o chiesa mormone

Vediamo la vera storia dell'organizzazione internazionale para-massonica denominata Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, cioè i Mormoni.


La Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, che si fa chiamare anche chiesa mormone, è una confessione religiosa fondata dal massone americano Joseph Smith, considerato dai mormoni un profeta a cui fu rivelato il Libro di Mormon, il più noto fra i testi "sacri" di questa religione. Smith, che aveva 40 mogli (alcune delle quali minorenni o contemporaneamente sposate con altri, come documentato nel Corriere della Sera), sostenne che il libro gli fu rivelato su tavole d'oro incise in una lingua sconosciuta denominata "egiziano riformato", e tramite le sue capacità divine fu in grado di tradurlo in inglese. Di queste tavole d'oro non è mai esistita alcuna traccia archeologica, ma secondo la Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni esse sarebbero state originariamente prodotte fuori dal pianeta Terra per mano del profeta Mormon, da cui derivano i nomi "mormone" e "mormonismo". Joseph Smith spiegò l'etimologia del nome di persona Mormon, affermando che a suo avviso derivava da "mor-mon", nome composto che in egiziano riformato significherebbe "più buono". Un po' come se si affermasse che "idi-ota" significa "più buono", traducendolo dal "marziano riformato".

Due missionari mormoni vestiti in giacca e cravatta

Tra i mormoni, il termine utilizzato per auto-definirsi come gruppo religioso è sempre stato quello di "santi" o di "santi degli ultimi giorni", non a caso il nome ufficiale della religione è proprio "Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni". Invece, in riferimento al pensiero religioso e dottrinale della Chiesa, sono sempre preferiti i termini "vangelo" e "vangelo restaurato", poiché, secondo la Chiesa, il Vangelo della Bibbia diventa valido solo se "restaurato" da Joseph Smith.

Il pensiero del massone Smith e dei suoi successori ha subito nei decenni una costante evoluzione, perché il movimento crede in una "Rivelazione continua". In altre parole, ogni "profeta mormone vivente" può apportare modifiche dottrinali nel caso in cui dica di avere ricevuto nuove rivelazioni divine.

La Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni sostiene che la Bibbia non sia stata trasmessa correttamente, mentre il Libro di Mormon, essendo stato tradotto dall'egiziano riformato da Joseph Smith, a cui Dio «conferì il dono e il potere di fare ciò», sarebbe per sua natura perfetto. D'altro canto, i critici hanno sollevato numerose obiezioni nei confronti dei giganteschi errori storici contenuti nel Libro di Mormon, quali l'asserita presenza dei cavalli nei periodi in cui in realtà la specie si era già estinta nel continente americano (dove è stata reintrodotta solo con l'arrivo di Cristoforo Colombo). A tali critiche, i mormoni generalmente rispondono che alcuni vocaboli contenuti nel libro (tra cui, appunto, "cavallo") andrebbero interpretati in senso lato (ad esempio per indicare quadrupedi in genere) e non necessariamente in senso letterale. In particolare, alcuni studiosi mormoni ritengono che per "cavalli" si debbano intendere, invece, i tapiri. A loro volta, gli stessi critici controbattono che un tale ragionamento mette in dubbio il fatto che il Libro di Mormon sia "per sua natura perfetto" come dicono i mormoni.

Verso la fine della propria vita, Smith intraprese anche una nuova "traduzione" della Bibbia, priva del Cantico dei cantici (a suo giudizio non ispirato) e con varie aggiunte e/o cambiamenti arbitrari che, secondo Smith, sono sempre rivelati per dono e potere divino. Tuttavia questa variante della Bibbia, essendo nel complesso estremamente dubbia, non è accettata universalmente neppure da tutti i seguaci di Smith.

Secondo il Libro di Mormon, Gesù Cristo, dopo la sua resurrezione, andò a visitare i nativi americani nei territori appartenenti agli attuali Stati Uniti d'America. Bisogna prestare attenzione al fatto che, secondo la Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, Gesù Cristo non è dio. Infatti, secondo Smith, il Padre e il Figlio sono persone del tutto distinte, dotate di forma umana e in carne e ossa, ma unite da una volontà comune. Questa volontà comune è appunto lo Spirito Santo, che non ha invece forma umana ed è proprio uno spirito dotato di abilità di movimento (un po' come il fantasmino Casper, per capirci). Dio padre, cioè il Padre Celeste, il cui nome e titolo è Elohim, è un ex uomo che ha ottenuto la perfezione divina, e ha stabilito la propria residenza nei pressi del pianeta Kolob, sebbene l'astronomia non abbia mai riscontrato l'esistenza di tale corpo celeste. L'universo, però, non è stato creato da Elohim, bensì da Cristo (che, come abbiamo detto, è un altro personaggio). Poiché la Rivelazione è un processo continuo, Joseph Smith ha solo iniziato un processo che si chiuderà col ristabilimento del regno di Dio sulla Terra, a partire dagli Stati Uniti d'America. In particolare, la Nuova Gerusalemme sarà stabilita proprio negli USA, dove avverrà anche il giudizio universale.

Il battesimo dei vivi avviene non prima degli otto anni esclusivamente per immersione totale, all'interno delle cappelle mormoni oppure in luoghi all'aperto come laghi o mari. Se la punta di un capello, o di un vestito, dovesse restare fuori dall'acqua, esso deve essere ripetuto più volte fintantoché sia accertato che tutte le parti del corpo, inclusi i vestiti, si trovino completamente sotto la superficie dell'acqua. Il battesimo dei vivi non va confuso con il battesimo dei morti, che invece deve essere obbligatoriamente eseguito nei templi mormoni, a cui si può accedere solo se si è mormoni in possesso di "raccomandazione scritta" rilasciata esclusivamente a chi paga l'abbonamento mensile (decima).

Secondo Smith, i periodi storici in cui il vangelo è presente sulla terra sono chiamati dispensazioni. I mormoni sono restaurazionisti: ogni singola chiesa si ritiene quindi la sola ed unica detentrice del "vero cristianesimo", andato perduto poco dopo i tempi apostolici a causa di un processo di ellenizzazione e ripristinato da Joseph Smith, il quale ha inaugurato la "dispensazione della pienezza dei tempi", in cui tutta la verità verrà progressivamente rivelata. Poiché per 1800 anni l'umanità non avrebbe avuto la possibilità di conoscere il vangelo restaurato da Joseph Smith, e poiché alla "dispensazione della pienezza dei tempi" (per definizione) non ne seguiranno altre, Joseph Smith ha ordinato ai mormoni di eseguire accurate ricerche genealogiche affinché tutte le persone morte nell'arco di questi 18 secoli possano essere battezzate e dichiarate membri della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, senza chiedere l'autorizzazione a tutti i parenti dei morti. Il battesimo dei morti — o, in gergo mormone "per procura", sebbene non esista alcuna procura scritta o orale da parte dell'interessato, il che costituisce una grave violazione del Codice della privacy sulla base della decisione dell'Autorità Garante della protezione dei dati personali — può avvenire solo dentro i templi mormoni e solo in presenza di altri membri mormoni. Il rito (o ordinanza) è segreto, quindi:

Secondo l'insegnamento di Smith, al battesimo devono obbligatoriamente seguire le obbligatorie ordinanze dell'investitura e del suggellamento perché senza di esse non si può ottenere la salvezza eterna, chiamata "esaltazione".

Per quanto concerne l'ordine sacerdotale, esso fa parte del cammino di iniziazione di ogni membro maschio, anche minorenne (obbligatoriamente a partire dai 12 anni) escluso il caso in cui ci si battezzi da adulti. Vi sono diversi gradi e ruoli nel sacerdozio. Ai gradi più elevati si accede per cooptazione.

L'anima s'incarna in un corpo terreno per poi perfezionarsi, attraverso la conoscenza della verità, in un progressivo miglioramento che conduce alla condizione di divinità. In pratica, praticando la religione mormone, si diventa una divinità uguale a dio. Nell'universo ci sono quindi migliaia di divinità, vale a dire tutti gli uomini che si sono comportati da bravi mormoni.

Secondo l'escatologia mormone, Gesù Cristo — che era nato da rapporti sessuali del summenzionato Elohim con Maria, e durante la vita terrena si era unito in matrimonio con Maria, Marta e Maria Maddalena — tornerà sulla terra e fonderà negli USA il sopraccitato regno mormone. Di fatto, la nascita di Cristo è l'unica occasione in cui l'alieno kolobiano ex-uomo Elohim ha fatto il missionario sulla terra: sì, facendo mettere Maria nella posizione del missionario.

Per oltre un quarantennio la Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni praticò ufficialmente la poligamia. Come abbiamo visto, il fondatore Joseph Smith ebbe circa 40 mogli, anche minorenni e già sposate, con alcune delle quali però non ebbe rapporti sessuali. La pratica del matrimonio plurimo venne interrotta definitivamente nel 1890, anno in cui, in seguito ad una rivelazione ricevuta dall'allora Presidente Wilford Woodruff, la Chiesa pubblicò una dichiarazione formale di rinuncia a tale pratica conosciuta come "Manifesto". La scelta aveva anche un'importante motivazione legale: fu imposta dagli Stati Uniti d'America — in cui la poligamia è sempre stata illegale — come condizione per il riconoscimento dello stato dello Utah e rimuovere, quindi, il principale ostacolo all'annessione dello Utah nella confederazione. Dopo aver assunto questa posizione la Chiesa scomunicava coloro che non osservavano tale dictum. Tuttavia, la dottrina ufficiale continua tuttora a riconoscere la "poligamia celeste". Allo stesso tempo la "poligamia terrestre" è formalmente cessata perché è un reato previsto dal codice penale, anche in Italia (art. 556 cp: "divieto di bigamia").

Si noti che la poligamia prevede il matrimonio di un uomo con più donne; l'inverso, cioè il matrimonio di una donna con più uomini, si chiama invece "poliandria", che la Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni vieta anche "in cielo".

La Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi si auto-definisce cristiana, sebbene non partecipi al Consiglio ecumenico delle Chiese neppure come ente osservatore esterno, e quindi nessun'altra chiesa cristiana che ne fa parte la considera cristiana e ne riconosce il battesimo (o tanto meno i rituali segreti del tempio mormone, cioè l'investitura e il suggellamento sia dei vivi che dei morti). Inoltre, la possibilità che ogni mormone ha di diventare un dio come il Padre Celeste dopo la morte terrena (politeismo) rende il dialogo con le altre Chiese estremamente difficile in termini dottrinali.

Joseph Smith era stato affiliato a una loggia massonica locale, così come altri importanti esponenti della sua congregazione religiosa e non solo, tra cui i genitori. È per questo che una parte dei principi dottrinali, e una parte dei rituali compiuti nei templi mormoni, sono simili ai rituali utilizzati dalla Massoneria, come ritualità ma non necessariamente come valore sacro. Per approfondimenti e filmati video (ripresi con micro-telecamere nascoste in stile Striscia la notizia o Le iene) riguardanti i rituali massonici eseguiti dalla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni nei propri templi, si veda l'articolo sui Mormoni, il tempio di Roma e le truffe con i vostri dati personali.

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni vi racconterà mai queste cose?

Risposta semplicissima: no. I Mormoni, che hanno giurato di non parlare di questi argomenti (pena la morte), inventeranno scuse di vario genere per arrampicarsi sugli specchi. Attenzione anche alla truffa dei finti corsi d'inglese organizzati dai Mormoni.

Redazione online